Vi racconto la mia maratona di 24 ore: cosa vedere a Toronto in un giorno.

Una città che conta 6 milioni di abitanti nell’area metropolitana, con mille attrattive come musei, grattacieli, torri panoramiche, mercati, edifici storici, stadi, isole pedonali.. come è possibile visitarla in un giorno? Perché poi in così poco tempo? Me lo chiedono tutti, allora vi spiego..

Premessa

E’ partito tutto così, con una domanda di un’amica:

– “Vuoi venire con me a Toronto? 24 ore e torniamo.”

-“Quando?”

-“Dopodomani”.

-“naaaa dai è uno scherzo, come 24 ore? Come dopodomani?”

La mia amica ci lavora, sugli aerei, e avrebbe fatto una sosta a Toronto un pò più lunga del solito. Sarebbe tornata il giorno dopo. Era domenica sera. Sarei partita il martedì mattina e dopo 10 ore di volo sarei arrivata a Toronto nel pomeriggio ( -6 ore di fuso orario), la sera avrei fatto un giro in centro, la notte in hotel, la giornata seguente in città e la sera altre 9 ore di volo (e altre +6 ore di fuso orario..) Rientro previsto giovedì mattina. UNA FOLLIA.

Ma perché non farla? Il biglietto aereo aveva un prezzo stracciato perché era in stand-by e accompagnavo la mia amica assistente di volo. Fabio, mio marito non poteva prendere ferie, per i bambini era un pò impegnativo fare 19 ore di volo e 12 ore di fuso in due giorni.. Io potevo prendermi due giorni liberi.

Una notte per riflettere e poi la conferma. “Sì, lo faccio. Vengo con te. Fammi vedere questa Toronto”

Toronto in 24 ore: quello che ho visto io

Come riassumere una città vista in 24 ore di tempo? Impossibile. Le mie possono solo essere considerazioni approssimative, perché ho solo avuto un assaggio di una città che conta 6 milioni di abitanti nell’area metropolitana e che ha 240 quartieri ..

1. Cosa vedere a Toronto: Distillery District

cosa vedere a toronto

Il Distillery District ospitava il secolo scorso la Gooderham & Worts Distillery ed era considerata la più grande distilleria del mondo quando fu fondata nel 1832. I tipici fabbricati industriali in mattoni rossi in stile vittoriano, hanno avuto una nuova vita dopo la chiusura dello stabilimento nel 1990. Dopo un attento recupero, sono divenuti oggi luogo di set cinematografici, ristoranti, birrerie e pub, negozi vintage e mostre temporanee.

distillery district

cosa vedere a toronto

Il primo approccio alla città di Toronto ce l’ho girando la sera per questo quartiere. Dopo 9 ore di volo, e io non dormo mai in aereo, il fuso orario, l’arrivo in hotel e il trasferimento dalla parte opposta della città per raggiungere il Distillery District,  mi sento leggermente confusa…E’ un giorno che sta durando da 48 ore, ma non posso perdermi questo quartiere,  uno dei più frizzanti di Toronto, l’unica sera a disposizione oltre oceano.

E la prima impressione è quella di una città festosa: si respira l’estate, ci sono lucine ovunque a rendere magico ogni angolo; c’è aria di vacanza e sono a due passi dal lungo lago. Non fa nemmeno freddo, è agosto è vero, ma è pur sempre il Canada!

cosa vedere a toronto

La scelta dove cenare è ardua, i locali del Distillery District sono tanti e tutti molto accoglienti, non ho letto niente, nessuna recensione, non ne ho avuto il tempo, vado a naso questa volta. Ci sono ristoranti spagnoli, messicani, giapponesi, italiani, del resto la citta di Toronto è famosa per la sua forte tradizione di accoglienza, per il suo multiculturalismo.

Il profumo di cozze mi attira e scelgo di mangiare bene (ma non spendendo poco..) al Pure Spirits Oyster House & Grill. ( Le cozze al curry non le avevo mai provate!)

2. Cosa vedere a Toronto:  salire sulla CN TOWER

cn tower

E’ il classico dei classici di una visita a Toronto. Una torre per telecomunicazioni divenuta simbolo di una città con i suoi 553 metri di altezza. La CN Tower è il simbolo incontrastato della città, è elemento principale dello skyline, la si vede da ogni angolo della città. Simbolo di una città protesa verso l’alto, una città che accoglie, che sa guardare al futuro in modo sostenibile.

Col suo punto panoramico più “basso”a ben 346 metri e quello più alto a 447 metri, che se facciamo due conti.. sono 147 piani, detiene il record per il punto panoramico accessibile più alto al mondo.
E ci si può anche mangiare a 346 metri di altezza, con vista a 360 gradi.

cosa vedere a toronto

Sovrasta tutto, anche la mia paura di salirci. E’ mattina presto, arrivo alla stazione di Union e percorro a piedi i pochi metri che mi separano dalla torre. Più mi avvicino e più mi dico che non posso farcela. Vedo gli ascensori salire e mi sembrano puntini in movimento, che poi spariscono nel cielo, tanto sono piccoli. E le penso tutte: se si ferma l’ascensore? Quale sarà la via di esodo? E se mi viene una crisi di panico mentre sono su? Niente, sono in panico adesso, peggio di così non potrei stare. Spero di trovare tanta coda all’ingresso che mi faccia desistere, così ho la scusa in tasca.. e non posso dire di non averci provato.. Invece di coda ZERO, perché nessuno vuole salire su questa torre? Perché??? Mi tremano le gambe, le mani, sudo freddo e continuo a chiedermi perché lo stia facendo.. ma poi l’atto di coraggio arriva ( per me che sono una fifona) : come si fa ad essere a Toronto e non provare questa esperienza?

(Andateci presto la mattina, perché la coda si forma, eccome! E così potrete godervi il panorama senza la folla)

Vi dico che è scioccante. È come essere su un aereo e guardare giù. Gli ascensori schizzano verso l’alto come shuttle e sono pure vetrati a pavimento! Così oltre a volare ..potete guardare intorno o per terra.. Poi una volta saliti il coraggio di guardare giù vi verrà.. perché è da mozzare il fiato, i grattacieli sembrano casette, le macchine puntini. E poi il lago, le isole, gli aerei che atterrano poco distanti. Sbalorditivo. C’è anche la possibilità di camminare sul vetro a picco nel vuoto. E io ce l’ho fatta.. Nonostante non sia famosa per il mio coraggio!

cn tower

cosa vedere a toronto

cosa vedere a toronto

3. Cosa vedere a Toronto: Island Park

Dopo una botta di adrenalina sulla CN Tower, ora serve rilassarsi. In pochi minuti a piedi raggiungo il lungo lago, le barche a vela navigano sotto il sole, i grattacieli del centro sono alle mie spalle e non mi sembra di essere a Toronto. Perlomeno non la immaginavo così. Mi sembra di essere in una calda piccola località di villeggiatura. Il lago Ontario è talmente grande che non si vede la sponda opposta e a me sembra di essere al mare. L’acqua è di un azzurro intenso, luccica sotto il sole del mattino e la passeggiata è piacevolissima.

cosa vedere a toronto

Il molo per imbarcarsi sulle isole di fronte alla città è poco distante, cerco il traghetto cittadino e non le varie crociere turistiche che partono lungo le banchine del porticciolo. Si risparmia sì, qualcosa, a prendere il traghetto pubblico, ma io lo faccio perché amo guardare la “fauna” locale.. Famigliole in gita per un giorno al parco di divertimenti sulle isole, anziani col giornale, una donna con un furetto sulla spalla, una gita scolastica, qualcuno con la bicicletta.

La vista sulla città è il motivo per cui ho deciso di prendere il traghetto per Island Park. Dall’acqua lo skyline è strepitoso.

cosa vedere a toronto

cosa vedere a toronto

Poi sbarchi e Toronto cambia ancora. Diventa un mix tra Central Park di New York con gli scoiattoli e i canali delle Cotswold inglesi con le canoe canadesi che vi navigano, il tutto ambientato però nei pressi di una spiaggia che mi ricorda il mare della Croazia, fuori stagione, che profuma di lago invece che di salsedine.. ah, e poi c’è un luna park con funivia che fa il giro su se stessa.  Sono disorientata, è evidente…sarà l’adrenalina, la stanchezza, non lo so, però la cosa che mi piace di più è il cartello di benvenuto:  “Per favore, camminate sull’erba!”

cosa vedere a toronto

cosa vedere a toronto

4. Cosa vedere a Toronto: l’architettura di qualità

Come una bambina a Disneyland, mi sono emozionata davanti a tutte le “mie architetture” studiate all’università. Una su tutte: il Dominion Centre di Mies van der Rohe in Financial District, pieno centro.

Per i non addetti ai lavori,  Mies è un indiscusso maestro del Novecento, architetto dell’essenzialità, famoso per il paradigma “Less is more”, il meno è più, che poi è anche il concetto di eleganza. Forse qualcuno dei non addetti ai lavori, lo conoscerà per la celebre poltrona Barcelona.

cosa vedere a toronto

cosa vedere a toronto

Il Seagram Building di New York, sempre dello stesso autore, è il  precursore di questi grattacieli.

Come per il Seagram Building di New York, il Toronto-Dominion Centre segue il tema dell’edificio semplice e raffinato, scandito dalla struttura verticale in acciaio verniciato di nero e vetro scuro e contraddistinto internamente dal travertino. L’altezza di ciascuna delle due torri di Mies è proporzionata alla sua larghezza e profondità, le altre due torri che chiudono la bella piazza invece sono successive.

Indiscussa la capacità di questo architetto di fondere interno ed esterno nelle sue hall: continuità di materiali e dettagli superlativi.

La piazza verde esterna con un allestimento di mucche al pascolo, l’ infilata di  biciclette parcheggiate e gli uomini d’affari stesi sul prato in relax, mi regalano un senso di pace, nonostante io sia in pieno centro, nel Financial District di Toronto.

cosa vedere a toronto

5. Cosa vedere a Toronto: mercato coperto e PATH

Toronto è famosa anche per il PATH che è una rete di strade pedonali sotterranee commerciali lunghe una trentina di chilometri! Nel sottosuolo del centro finanziario di Toronto, il PATH collega i luoghi più importanti della città tra cui 18 dei 25 grattacieli più alti di Toronto, le varie fermate della metropolitana, la ferrovia, i ristoranti, i musei, in modo che in inverno non si abbia il bisogno di uscire a -40 gradi per recarsi al lavoro o a fare la spesa. Il PATH è considerato lo spazio commerciale più grande del Nord America con i suoi 1200 negozi.

path

path

Una curiosità: entrare in un minimarket del PATH e trovare una sfilza di 10 zuppe pronte d’asporto, fa capire quanto possa fare freddo da queste parti d’inverno..

Se avete invece fame davvero e volete rilassarvi mangiando bene, tipico, spendendo relativamente poco, fate un salto al St. Lawrence Market.

Sarà che amo i mercati per assaggiare le specialità più particolari, sarà che sono sempre curiosa di vedere la gente locale che abitudini ha, ma a me piace un sacco mangiare sui tavolacci dei mercati.. Carne, pesce, frutta, verdura, etnico, locale, cotto e crudo: di tutto un pò.

st lawrence market

6. Cosa vedere a Toronto: museo, Graffiti Alley e Kensington market

Camminare non mi spaventa, ma i 3o km fatti da stamattina cominciano a pesarmi sulle gambe. Ed è solo pomeriggio. Comincio a sognare le mie 9 ore in aereo, finalmente seduta.. Però non posso tornare a casa senza aver visto almeno velocemente la zona di Kensington Market, con tutti i negozietti e bar indipendenti, un pò hippie, un pò sofisticati, alcuni spartani, alcuni proprio brutti. Ma l’aria che si respira è vivace, allegra, informale. Va visto, poi può piacere o meno, ma anche questa è Toronto.

A due passi da qui c’è l’ AGO Art Gallery of Ontario, che non visiterò, perché non ne ho il tempo, ma ci ritornerò. E proprio di fronte al museo, vedo delle case vittoriane e tre ragazze che dipingono su un muro, arrampicate in malo modo.. Sorrido, mi piace quest’atmosfera, un mix tra culturale e artistica, che si percepisce in questa zona.

Cosa vedere a Toronto

Cosa vedere a Toronto

cosa vedere a toronto

E poi c’è il culmine della creatività libera, nella via con più graffiti di Toronto: la Graffiti Alley.

Chiamarli graffiti è riduttivo:  sono davvero opere d’arte, geniali, folli, bellissime. Una via che altrimenti sarebbe abbandonata a se stessa, riprende vita coi turisti intenti a fotografare e i ragazzi che armati di soli colori, liberano la creatività e diffondono i loro messaggi.

Toronto è una città dalle mille facce, tutte diverse, come i quartieri, come la gente. Passeggiando tra le sue strade si sente parlare in italiano, spagnolo, cinese, inglese, arabo.. E’ una città multiculturale dove si percepisce un’alta qualità della vita, dove la metropoli moderna convive con i piccoli sobborghi curati, dove si respira aria di integrazione e dove in qualche modo ci si sente a casa.

Cosa vedere a Toronto

graffiti abbey

PS.  Se viaggiate senza figli, come in questa mia fuga di 24 ore, riuscirete, correndo un p0′, a vedere queste cose in un giorno. Altrimenti, come ben sapete, triplicate i tempi e il portafogli… Toronto non è economica, ma è ordinata, sicura, pulita, stimolante, creativa, divertente e anche rilassante. Saprà regalarvi un bel punto di partenza per visitare una nazione straordinaria.

canada

Se ti piacciono i posti luoghi incontaminati, leggi anche Dog sledding in Norvegia, viaggio nella vera Lapponia del popolo Sami.

Potrebbe piacerti anche: Cotswolds con i bambini in inverno: 100% British, 100% favola.

oppure Isole Lofoten in inverno, 5 cose da fare assolutamente

seguici sui social, ci trovi come i Treuominieunadonna!